Teatro e Cinema

A proposito di.. Anna Cuculo

Attrice e regista. Attiva sin dall’età di 9 anni come danzatrice classica nell’opera lirica a Torino e poi nei teatri lirici di tutta Italia, fa seguire alla carriera di ballerina quella di coreografa, attrice e regista; si dedica anche alla scrittura. Ha lavorato, tra gli altri, con Sara Acquarone, Susanna Egri, Loredana Furno, Renato Greco, Zarko Prebil, Enzo Paolo Turchi, Enzo Trapani, Antonello Falqui, Tino Buazzelli, Aldo Trionfo, Mario Missiroli, Franco Passatore, Mauro Avogadro, Walter Malosti.

Costituisce una compagnia professionale di teatro-danza e poi di prosa.
Collabora con la RAI-TV, Teatri Stabili, Enti Istituzionali, Associazioni Culturali. Negli ultimi anni dedica particolare attenzione ad argomenti inerenti allo studio della Tradizione e della Simbologia.

Tra gli ultimi ruoli di protagonista:
CANTI D’ORIENTE E D’OCCIDENTE del poeta Giuseppe Conte;
UNA STAGIONE ALL’INFERNO di Arthur Rimbaud, regia di Ola Cavagna;
LA CODA DELLA COMETA, dal romanzo di Italo Cremona, adattamento e regia di Marco Zaccarelli;
VIA BARBAROUX QUASI UN FILM, dal romanzo omonimo di A. Cuculo, regia di Dario Musso;
NELLA RADURA, dagli ultimi drammi di William Shakespeare, drammaturgia e regia di Marco Zaccarelli;
MARIA MADDALENA, di Marguérite Yourcenar,
NELLE MANI LA LUNA di Younis Tawfikcon il gruppo Altretracce.
ELISABETTA E IL SUO PIRATA, di Luigi Lunari, con Mario Valdemarin, regia di Beppe Tosco

Per il cinema: protagonista in EFFETTO MASCA di Pietro Giau;
Signora Niccolodi nel film IMAGO MORTIS diretto da Stefano Bessoni, protagonista Géraldine Chaplin;
Marianna Derfelden in RASPUTIN diretto da Louis Nero.

Tra le ultime regie:
LE ROSE DI CALCUTTA, tratto dal romanzo di Stefano Zecchi ‘Sensualità’ (premio Bancarella)
MAGDALENA MISTERO ETERODOSSO di Stefano Andreani;
GIORDANO BRUNO, da scritti di Gabriele La Porta e Frances Yates;
Balkis Regina di Sabah, di Stefano Andreani;
OSCAR E DORIAN: THE WILD(E) NARCISISM  di Pier Maria Furlan;
L’OMBRA OVVERO IL CAVALIERE IL BRICCONE E IL DRAGO di Gabriele La Porta;
LA BILANCIA, da ‘Lettere Musulmane’ di Paolo Lucarelli;
IL SEGRETO DEI MASSONI, commedia di anonimo francese del 1737, traduzione di Giuseppe Vatri;
DIALOGO TRA MERCURIO, ALCHIMISTA E NATURA, di Paolo Lucarelli;
I DUE MASSONI, commedia francese del 1808 di Pellettier-Volméranges, traduzione di Giuseppe Vatri;
ARLECCHINO FRAMMASSONE, commedia francese fine Settecento, traduzione e adattamento di G.  Vatri;
IL FIGLIO DELLA VEDOVA, dal romanzo di Luigi Pietracqua ‘Don Pipeta l’asilé’, versione teatrale di G. Vatri.

area
Invia una mail ad A. Cuculo email

Contributi di Anna Cuculo


Dialogo tra la Regina Elisabetta I d'Inghilterra e il mago John Dee
Lo studio verte sui rapporti tra la regina Elisabetta I d’Inghilterra e John Dee, egregio rappresentante (insieme a Robert Fludd) della filosofia rinascimentale inglese.

I rapporti dovettero restare segreti, ma la Regina offrì a John Dee, suo intimo consigliere, le possibilità di sopravvivere decorosamente in un ambiente perlopiù a lui ostile.

Grande fu l’influenza degli studi rifioriti intorno a Vitruvio sulle opere del filosofo matematico John Dee, il quale nei suoi scritti (in particolare nella prefazione alla traduzione inglese di Euclide pubblicata nel 1570) sottolinea il primato dell’architettura fra le scienze matematiche.
accedi al documento pdf